Lavori forestali stagione silvana 2020-2021

DIRADAMENTI SELETTIVI NELLE PARTICELLE n° 16-17-20 | LAVORI FORESTALI A PARTIRE DA NOVEMBRE 2020

I tagli che stiamo effettuando nel bosco verso Figino servono per rinforzare le piante e rigenerare l’ecosistema.

Se vi trovate da queste parti, state passeggiando in aree dove gli alberi sono stati piantati circa quindici anni fa, magari  insieme a qualcuno di voi. 
Le piantine erano tante (1500 ad ettaro), piccole e di specie diverse: querce, carpini, pioppi, ciliegi e altre ancora.

Di anno in anno alcune sono seccate, altre sono state tagliate, altre ancora hanno continuato a crescere  per formare – gradualmente – un bosco adulto fatto di piante grandi che ospitano tanti animali, migliorano l’aria e l’acqua, ombreggiano.

Quest’anno, con un intervento forestale chiamato “diradamento selettivo” aiuteremo  le  piante più vigorose a crescere ancora meglio e a restituirci negli anni un bosco sempre più ricco di vita e di bellezza.
Questo risultato è possibile perchè con il diradamento selettivo possiamo regolare la quantità di luce, il numero, il tipo di piante e la loro distribuzione.
Si favorirà lo sviluppo di querce, carpini e ciliegi, specie tipiche dei boschi planiziali, che dopo i lavori cresceranno sempre più stabili ed equilibrate.

TAGLIO DEL ROBINIETO LUNGO IL FONTANILE GIUSCANO – PARTICELLA 11A | LAVORI FORESTALI A PARTIRE DA NOVEMBRE 2020

E’ in corso un intervento di cura del bosco ceduo di robinia che prevede il taglio delle piante.

La robinia è una pianta che cresce e si rinnova con facilità ma che va incontro ad un rapido e precoce invecchiamento, come sta accadendo per le robinie lungo il fontanile Giuscano. I segni di deperimento si riconoscono dai rami secchi sulla chioma, dai rametti stentati con foglie più piccole del normale, dalla presenza sul fusto di funghi, cavità e fratture; le radici si indeboliscono e sono frequenti schianti e rotture dei tronchi.

Per mantenere in vita il bosco è necessario tagliarlo. Il taglio ringiovanisce le piante e dalle loro ceppaie nasceranno i nuovi germogli che formeranno il nuovo bosco. Nel frattempo le altre specie che crescono insieme alla robinia e che sono di maggior valore naturalistico, in questo modo avranno più spazio a disposizione per svilupparsi meglio.

L’intervento è previsto e approvato dalla pianificazione forestale del Parco definita dal Piano di Assestamento forestale, valido per il periodo 2015-2030, che è lo strumento programmatico di gestione del bosco definito dalla normativa regionale.

I lavori forestali in corso fanno parte degli interventi di riqualificazione forestale del Parco programmati per la stagione 2020-2021 – Istanza di taglio n. 198151 del 06/11/2019.