Archivio per Categoria Ultime Notizie

AvatarDiadmin

Gli alberi in primavera

In primavera gli alberi del parco si riempiono di fiori. Non solo la forsizia vicino alla cascina, ma anche quelli del frutteto (Maiera Sud e Centro) e dei boschi. Una meraviglia che si ripropone ogni anno. Dalle fioriture più impetuose del biancospino a quelle più discrete della farnia.

AvatarDiadmin

BOSCOINCITTA’ | relazione attività 2019

Un anno di lavoro nel parco, a cura del Centro forestazione urbana: stage, tirocini, progetti alternanza scuola lavoro, volontariato, lavori agro-forestali, gestione boschi e alberate, manutenzione tapperi erbosi e prati, monitoraggi e altre criticità, studi, ricerche e censimenti, iniziative e servizi per la scuola, per le famiglie e per gli altri frequentatori del parco, giardini tematici: orti, frutteto, giardino d’acqua e delle api, giardiniere condotto e altre iniziative esterne

CLICCA QUI e leggi la relazione



AvatarDiadmin

Febbraio 2020: lavori forestali | abbattimenti

Nel Bosco, in prossimità dell’ingresso del parco lungo la via Novara, sono in corso gli abbattimento obbligatori per eradicare l’Anoplophora chinensis.
La normativa prevede l’abbattimento obbligatorio per gli alberi parassitati dall’Anoplophora, coleottero originario dell’est e del sudest asiatico, ormai diffuso anche in Europa.
L’Anoplophora è molto dannosa per alberi e arbusti a causa delle lunghe gallerie scavate dalle larve all’interno di tronchi e radici: si tratta di danni irreversibili, invisibili dall’eserno se non quando la situazione è così compromessa da portare alla morte della pianta.
Gli interventi in corso sono stati decisi e sono eseguiti da ERSAF Lombardia

AvatarDiadmin

Boscoincittà | una Madonnina in stalla San Romano

Piccoli e grandi restauri…
Boscoincittà, cascina San Romano

Un anno fa abbiamo concluso – in accordo con la Soprintendenza – il restauro della grande, monumentale Stalla: un ambiente speciale, uno spazio bellissimo, arrivato a noi quasi intatto attraverso una storia di un secolo e mezzo, con mangiatoie, volte e pavimento a dorso di mulo non compromessi.

Durante i lavori, nella parete di fondo verso via Novara, è emersa – inaspettatamente – una traccia di disegno murale di una Madonnina con Bambino, entrambi ornati con grandi corone. Un carboncino modesto, di mano contadina. Un gesto di devozione di chi (i contadini che abitavano in Cascina), nel freddo invernale, trascorreva le lunghe sere invernali al caldo nella stalla chiacchierando, lavorando a maglia e recitando il Rosario.

Ora (febbraio 2020) stiamo restaurando, con le restauratrici di Open Care, questa Madonnina, per ricordo e rispetto verso queste persone prima di tutto.

AvatarDiadmin

Il sole in zucca e altre iniziative Italia Nostra per Green Week

Scopri le tappe della giornata leggendo la newsletter di Italia Nostra Milano Nord ai soci (in foto). Scopri i protagonisti dell’edizione 2019 seguendo la pagina dedicata al SOLE in ZUCCA

AvatarDiadmin

IL FOSSONE: un nuovo angolo di natura in città

Nel Boscoincittà, all’angolo tra Via Novara e via Caldera, abbiamo iniziato i lavori per realizzare un’area umida.  In collaborazione con il Comune di Milano e grazie a un contributo di Regione Lombardia l’obiettivo è incrementare la naturalità: pianteremo nuovi boschi, filari e siepi, realizzeremo un laghetto che ospiterà aironi, raganelle e libellule diversificando il paesaggio e creando un luogo gradevole e inaspettato all’ingresso della città.
______________________________________________________________________________

IL FOSSONE | Nel Boscoincittà, tra la via Caldera e la via Novara, l’area umida IL FOSSONE è una occasione per aumentare la naturalità e la qualità del paesaggio

Il Fossone, così si chiamava il vecchio fontanile che  attraversava i campi tra Via Novara e Via Caldera, oggi è una vasta area di natura di circa 25 ettari,  collocata in modo strategico tra il Parco delle Cave e il Boscoincittà. Tutti gli strumenti di pianificazione territoriale e urbanistica ne prevedono la tutela e il potenziamento delle valenze naturalistiche e paesaggistiche.

Il Comune di Milano attraverso il Centro per la Forestazione Urbana di Boscoincittà inizia ad occuparsene nel 2005 e tra il 2006 ed il 2009 realizza, con un primo contributo regionale, tre nuovi appezzamenti  di bosco dando avvio ad un processo di incremento di naturalità e di riqualificazione del paesaggio.

Il bando “Infrastrutture verdi della Regione Lombardia”  è stata la più recente occasione per valorizzare l’area dando attuazione un più ampio e ambizioso progetto di natura e paesaggio per la connessione tra i Parchi dell’Ovest.

Il progetto, sviluppato dal Comune di Milano attraverso il Centro per la Forestazione Urbana di Italia Nostra e finanziato nel 2017 ha permesso sia di creare un collegamento tra il Boscoincittà ed il Parco di Trenno, anche mediante l’acquisizione di alcuni appezzamenti privati sia di potenziare l’area del Fossone tra lo stesso Boscoincittà ed il Parco delle Cave.

Nella zona del Fossone si prevede la piantagione di siepi, di alberate e di nuclei di boschi e in particolare la realizzazione di una zona umida dall’alto valore naturalistico capace di offrire habitat per molte specie faunistiche in particolare anfibi e uccelli aquatici.

In modo voluto sono state sottolineate con i filari le forme degli appezzamenti che rimandano ad una suddivisione storica dei campi agricoli, sono state mantenute aperte le principali direttrici che collegavano la cascina Caldera con la cascina San Romano, sono stati studiati i percorsi che rendono massimamente fruibile la zona.

La zona umida con una superficie di circa 8.000 mq e con una  profondità media dal pelo d’acqua di circa 50 cm,  sfrutta una posizione già leggermente depressa, la riprende dandole una forma più definita lungo la viabilità principale con la quale si congiunge tramite un ordinato  filare, mentre prende una forma più libera verso la parte interna dove prosegue in continuità con i prativi ed i boschi.

La realizzazione della zona umida è stata studiata secondo modalità poco invasive tali da minimizzare gli spostamenti di terra fuori cantiere e le procedure per l’impermeabilizzazione.

Un intervento specifico è previsto per i prati che costituiscono un habitat funzionale alla vita dell’ecosistema perché forniscono dei siti specifici di riproduzione, di alimentazione e di rifugio per la fauna selvatica. Sono infatti un ambiente molto ricco di variabilità specifica, arrivando ad ospitare fino a 30/50 differenti  specie erbacee per metro quadrato.

E’ stata realizzata la trasemina con specie locali da fiore a cui seguirà lo sfalcio solo dopo una lunga maturazione per agevolare la disseminazione delle specie, per valorizzarne appieno la bellezza delle fioriture e per limitare il disturbo e la mortalità  delle specie animali che abitano il prato.

I lavori sono iniziati in febbraio 2019 con la piantagione di una siepe campestre lungo il cavo irriguo Parea, mentre oggi sono in corso lo scavo e l’impermeabilizzazione della zona umida e sono in fase di ultimazione le restanti realizzazioni a verde.  Alle piantagioni organizzate e  coordinate dal Centro per la Forestazione Urbana hanno partecipato il gruppo strutturato dei volontari del Boscoincittà “Boschi del Tempo libero”, gli scout, le scuole,  il volontariato aziendale e singoli cittadini.

Quest’area, prossima  ad  una  delle più frequentate vie d’accesso alla città sarà così percepita nella sua naturalità e nella sua bellezza,  sia dagli automobilisti di passaggio, sia da chi con più calma la percorrerà dal suo interno.

______________________________________________________________________________

Iniziative realizzate o in programma
giovedì 29 agosto alle ore 18 visita al cantiere (Via Novara, angolo via Caldera) per presentare il progetto, le valenze naturalistiche e paesaggistiche, confrontarsi su domande e curiosità: da dove arriva l’acqua? dove va? la vicinanza con la via Novara può essere pericolosa per gli anfibi che andranno a riprodursi nella zona umida?
novembre 2019 e febbraio 2020: piantagioni insieme al volontariato cittadino. Per saperne di più clicca qui e consulta la sezione calendario

Per essere aggiorntao iscriviti alla mailing list del parco.

AvatarDiMilena Bertacchi

La città degli orti: l’esito di una ricerca

Quanti sono gli orti urbani nella Grande Milano? Come sono curati, coltivati e da chi? Quanto producono e quali altre funzioni svolgono? Come possono contribuire al disegno del paesaggio futuro? Approfondisci cliccando qui